7. La chirurgia plastica e la salute della donna: il convegno. La chirurgia estetica presenta sia rischi che complicazioni se non ci si affida a professionisti di alto livello; per questo si può andare incontro a situazioni come risultati che non soddisfano, cicatrici, deturpazioni, e, in casi estremi, la morte. Proprio con l’obiettivo di mettere in guardia dall’abusivismo della professione e far capire quanto sia importante rivolgersi a esperti di questa branca della medicina, a Napoli si è tenuto un convegno dal tema “La chirurgia plastica e la salute della donna”. → Link

6. Dolori da tacchi: la soluzione si trova nel filler. Molte persone amano i tacchi alti, che spesso sono un elemento voluto nella divisa da lavoro. A tal proposito la metatarsalgia è il dolore più comune nelle donne, che si localizza nella parte anteriore del piede proprio per l’uso prolungato di tacchi alti; a questo dolore c’è una soluzione e la si trova nei filler dermici, utili per ammortizzare la pianta del piede. Il trattamento è ambulatoriale, sicuro e la ripresa è immediata. → Link

5. Volume e riempimento: la biorivitalizzazione per ringiovanire il viso. La biorivitalizzazione è un trattamento basato su acido ialuronico cross linkato; con il filler è possibile volumizzare riempiendo in modo naturale le zone del viso senza alterare le proporzioni né gonfiare. Si tratta di una metodica non invasiva, non dolorosa, i cui risultati sono visibili dai 6 ai 18 mesi. In determinati casi il medico estetico può utilizzare diversi filler per ottenere un risultato più completo e armonioso. → Link

4. Orecchie a sventola: come si svolge l’intervento di otoplastica. L’otoplastica è un intervento eseguito con lo scopo di correggere una protrusione eccessiva delle orecchie riponendole in una posizione più normale e rendendole, così, meno evidenti. L’intervento non ha alcun effetto negativo sull’udito, ma è solo possibile provare una sensazione di fastidio nel periodo postoperatorio, che avrà una breve durata. L’operazione dura circa 1-2 ore e non è dolorosa. → Link

3. Carbossiterapia: il trattamento per l’estate. Il trattamento di carbossiterapia consiste nella somministrazione sottocutanea di un gas, l’anidride carbonica, a scopo terapeutico. Per la precisione la carbossiterapia agisce nel campo medico estetico, chirurgo plastico, dermatologico e vascolare; molto valido è anche l’utilizzo contro l’invecchiamento cutaneo, per migliorare l’elasticità dei tessuti, contro il grasso, le rughe, le smagliature, il rilassamento cutaneo, la circolazione e le cicatrici. → Link

2. Nuovi trend di bellezza da Hollywood: il boom degli interventi per un volto scavato. Direttamente da Hollywood è arrivato un nuovo trend che prevede di sottoporsi ad un intervento di chirurgia plastica per ottenere un volto scavato, zigomi, mandibola e mento pronunciati, eliminando, dunque, la bolla del Bichat; addio, quindi, ai visi rotondi e paffuti per dare il benvenuto al volto da celebrity. → Link

1. Codice a barre: ecco come eliminare le rughe delle labbra. Il tanto conosciuto “codice a barre” consiste in solchi verticali, per la precisione rughe che si manifestano con l’avanzare dell’età sopra e sotto le labbra. Il codice a barre inizia a manifestarsi intorno ai 30 anni, soprattutto se è presente il fattore fumo. La soluzione si trova nelle iniezioni di acido ialuronico a scopo riempitivo, nella bioristrutturazione e nel lifting non chirurgico. → Link