Il Consiglio di Stato, come prima il Tar, dà ragione al Codacons e chiede una revisione delle linee guida: il Servizio sanitario nazionale dovrebbe farsi carico dell’espianto e del reimpianto per tutte le donne che lo richiedano, non solo per quelle con accertati danni alla salute.

VAI ALLA NOTIZIA COMPLETA