L’Osteopatia come scienza ha avuto inizio negli Stati Uniti nel 1874 per merito del Dr. A.T. Still. La sua filosofia, in sintesi, considerava il corpo umano come un tutt’uno capace di autoguarirsi se meccanicamente in salute.

In altre parole, egli riteneva il corpo umano capace di curarsi da sé, se messo in condizione di farlo, per cui il compito del medico è principalmente quello di rimuovere ogni impedimento a tale fine.

Nel corso degli anni, la professione osteopatica si è molto evoluta anche al di fuori degli Stati Uniti sviluppando ed affinando tecniche manipolative di grande complessità, ma tenendo sempre ben chiari i principi del suo fondatore.

Da questa idea fondamentale che tutte le parti del corpo, ed alcune in modo particolare, sono strettamente intercorrelate, capiamo perchè in questi ultimi anni si è creata una stretta collaborazione tra gli Osteopati ed un numero sempre maggiore di Odontoiatri ed Ortodonzisti.

La bocca infatti rappresenta un aspetto fondamentale nella dinamica posturale ed ogni suo squilibrio è una potenziale causa di disfunzione per l’intero organismo.

CONTINUA A LEGGERE QUI: osteopati e dentisti