lifting

Il lifting del volto e/o del collo è l’intervento di chirurgia estetica che ha lo scopo di migliorare la condizione anatomia dei tessuti molli del volto ceduti per l’invecchiamento cutaneo e/o per il dimagrimento massivo.

Il goal è quello di migliorare il profilo delle forme che si sono modificati nel corso degli anni e riportare la naturale fisionomia ad un volto segnato dall’età e dal cedimento corporeo.

Le zone del volte che beneficeranno maggiormente dell’intervento di lifting sono:

  • la regione dello zigomo che acquisterà compattezza, forma e regolarità;
  • la regione naso-geniena e la guancia che vedrà il miglioramento dei solchi e la diminuzione delle pieghe e stiramento delle rughe;
  • il profilo mandibolare dal quale saranno liftati i tessuti prolassati e l’eccesso di pelle;
  • il collo che avrà un miglioramento delle bande del muscolo platisma e diminuzione dell’eccesso di pelle.

Il lifting del volto non ha lo scopo di modificare i lineamenti del volto ma solamente migliorarne i segni caratteristici dell’invecchiamento mantenendo altresì la naturalezza nei contorni e le caratteristiche proprie del volto.

Il lifting del volto NON stravolge la normale fisionomia ma ringiovanisce di 5–10 anni in modo naturale e piacevole. I candidati all’intervento sono uomini e donne dai 40 ai 65 anni, in buona salute, non fumatori, normo-peso e con pressione arteriosa nei limiti della norma .

Controindicazioni assolute all’intervento di lifting del volto: fumo di sigaretta e ipertensione arteriosa. Entrambe le condizioni danneggiano il microcircolo occludendo i vasi dermici e del sottocute compromettendo la vascolarizzazione del lembo cutaneo del volto con possibili complicanze.

lifting

L’intervento classico
E’ l’intervento indicato nei casi di ptosi e lassità dei tessuti molli del volto e del collo di maggiore entità. L’intervento è effettuato in anestesia generale, ha una durata di 4 ore e necessita di 1 notte di degenza.

Tecnicamente si effettua un incisione davanti (pre-auricolare) e dietro (retro-auricolare) l’orecchio; si procede allo scollamento del lembo cutaneo per evidenziare i tessuti profondi, lo “SMAS” che viene scollato e/o plicato con punti di sutura non riassorbibili.

La cute in eccesso infine sarà resecata e la sutura chirurgica viene effettuata con punti che verranno rimossi dopo 7 giorni. Si posizionano 2 drenaggi per 24/48 ore ed una lieve compressione al volto e al collo. Edema e livido post-operatorio risolvono in 7–10 giorni. L’intervento non è doloroso e la ripresa post-operatoria si completa in 2 settimane.

Possibili complicanze sono: sanguinamento post-operatorio precoce e tardivo, necrosi del lembo cutaneo, infezione, cicatrice patologica, asimmetria.

MACS lifting (Minimal access craniofacial suspension)
è una variante del lifting classico meno invasivo e più soft che è indicato per pazienti più giovani e/o per pazienti che desiderano un cambiamento molto leggero e naturale e necessitano una ripresa post-operatoria più veloce.

L’incisione sarà effettuata solamente davanti all’orecchio e lo scollamento del lembo cutaneo sarà limitato nella porzione centrale del volto. L’intervento è effettuato in anestesia locale con sedazione, ha una durata di 2.5 ore e necessita di ricovero in day hospital. Si posizionano 2 drenaggi per 8/12 ore ore ed una lieve compressione al volto e al collo.

Edema e livido post-operatorio risolvono in 7 giorni. Le complicanze post-operatorie sono rare e non pericolose in quanto l’intervento è superficiale e non necessita di lesioni muscolari. Il sanguinamento è raro ma il rischio aumenta negli ipertesi e fumatori.

La complicanza non è pericolosa in quanto il sanguinamento è sempre superficiale e la raccolta si ha tra la pelle e la fascia superficiale.

Dopo l’intervento occorre riposo ed evitare sforzi. Generalmente si risolve con leggera compressione ma può necessitare una evacuazione chirurgica in quanto se non risolta potrebbe danneggiare la qualità della pelle.

L’infezione è rara in quanto i tessuti molli del volto sono molto vascolarizzati e resistenti. La ferita chirurgica può avere una guarigione patologica con ipertrofia e/o cheloide pertanto occorre un monitoraggio post-operatorio e trattamento precoce.

La necrosi della cute è evento eccezionale e il rischio aumenta nei fumatori ed obesi. Per tale motivo nei fumatori è controindicato l’intervento.

lifting

Domande frequenti Lifting

Sono una buona/buon candidato per il lifting del volto e del collo?
Se sei un uomo o una donna in buona salute dai 40 anni in sù con lassità cutanea nel volto e/o nel collo allora sei un/una buona candidata per l’intervento. Se nel tuo volto sono presenti zigomi atrofici o prolassati, solchi naso-genieni accentuati, profilo mandibolare scomparso per apposizione di cute in eccesso, collo con cute in eccesso o bande muscolari del platisma allora sei un buon candidato all’intervento classico. Se hai un età più giovane o un iniziale cedimento dei tessuti cutanei e sottocutanei sei un buon candidato per un MACS lifting.

Che risultato estetico mi posso aspettare?
Il risultato estetico dopo l’intervento chirurgico di lifting sarà molto naturale e non comprometterà la fisionomia e la mimica del volto. L’intervento darà al viso e al collo l’aspetto che aveva 10–15 anni prima. Il risultato estetico sarà assolutamente naturale. Con il MACS lifting si può ottenere un risultato estetico ancora più naturale con minima invasività.

Ci sarà dolore post-operatorio?
Non ci sarà dolore post-operatorio in quanto l’intervento è minimamente invasivo e non prevede lesioni muscolari e nervose. Nel periodo post-operatorio il fastidio è dato dalla tensione cutanea per l’edema interno. Importante è il riposo post-operatorio per 4/7 giorni in modo da non far aumentare l’edema e il livido post-operatorio.

Quali sono i tempi di recupero dopo l’intervento?
Dopo l’intervento classico sarà applicata una leggera compressione al volto e al collo per una settimana. L’edema e il livido risolvono in 7/14 giorni per cui devi considerare almeno 2 settimane di riposo. Attività sportive si potranno riprendere dopo 4 settimane. Nella tecnica minimamente invasiva MACS-lifting, il recupero completo è nell’arco di 7 giorni e l’attività sportiva si riprenderà dopo 3 settimane.

Posso optare per un MACS-lifting anche se sono indicata per un lifting classico?
Certamente che si può sempre considerare un intervento meno invasivo come il MACS-lifting anche se la condizione clinica richiederebbe un intervento classico. Ovviamente il risultato estetico sarà più naturale e si potrà migliorare la lassità del collo ma non trazionare i tessuti significativamente. Il risultato finale sarà comunque significativo e piacevole con potenziali rischi chirurgici minimi e recupero post-operatorio veloce.

Vedo in televisione delle persone che sono molto tirate, hanno un volto di plastica e qualcuno non riesce neanche a parlare bene!? Come si può evitare un tale scempio?
Il lifting, nelle tecniche classiche e MACS-lifting dà un risultato molto naturale e piacevole. Alcuni volti noti dello spettacolo che mostrano un risultato poco naturale hanno ripetuto l’intervento almeno 2 volte per esasperare al massimo la possibilità di trazione sui tessuti. Con 1 intervento non sarebbe comunque possibile esercitare una trazione sui tessuti molli e sulla pelle da ottenere un risultato così artificiale in quanto la pelle se trazionata in modo eccessivo soffre difficoltà vascolare e può avere complicanze.
Pertanto chi desidera sottoporsi ad un intervento di lifting deve considerare che sarà possibile solo MIGLIORARE l’aspetto del volto invecchiato ma non sarà in nessun modo possibile ringiovanire 20 anni!. Il risultato è sempre naturale.

Quali complicanze mi posso aspettare?
Le complicanze sono rare e non pericolose. Maggiore è l’invasività dell’intervento nei tessuti e maggiore è il rischio di complicanze. Per tale motivo preferisco sempre evitare interventi invasivi e suggerisco MACS-lifting per ridurre al minimo il rischio di complicanze. Tutte le possibili problematiche post-operatorie vengono discusse durante la consultazione pre-operatoria. Il fumo di sigarette aumenta sensibilmente il rischio di infezione e necrosi cutanea per cui devi considerare la sospensione assoluta dal fumo di sigarette per almeno 12 settimane prima e 12 settimane dopo l’intervento. L’ipertensione aumenta il rischio di sanguinamento per cui occorre normalizzare la pressione arteriosa almeno 4 settimane prima dell’intervento e mantenerla nei range normali per 4 settimane dopo.

Quanto durerà il risultato ottenuto?
E’ difficile prevedere quanto durerà un risultato estetico in quanto dipende da tanti fattori quali: l’età al momento dell’intervento, fattori di rischio associati quali fumo e/o ipertensione, qualità della pelle e dei tessuti sottocutanei. E’ accettabile un risultato stabile per 3/5 anni. Da considerare che l’invecchiamento naturale continuerà.

Posso associare l’intervento alle palpebre?
Certamente i due interventi si possono associare. (vedi sezione dedicata)

Posso associare il lipofiller con cellule staminali?
Il lipofiller si può associare per aumentare il volume degli zigomi e/o dei solchi naso-genieni. (vedi sezione dedicata)

Al momento non me la sento di sottopormi all’intervento chirurgico. Ci sono tecniche alternative e non chirurgiche?
Certamente ci sono diverse possibilità di ringiovanimento del volto non chirurgiche. Tossina botulinica per migliorare le rughe del volto; fillers per riempire solchi e pieghe; grasso autologo con cellule staminali per migliorare i volumi e ridefinire i controni. Laser ablativi per migliorare la texture cutanea. Fili di sutura per trazionare i tessuti.