La Laserlipolisi è una innovativa tecnica di liposcultura ambulatoriale che consente di rimuovere ed eliminare “in modo definitivo” gli accumuli localizzati di tessuto adiposo mediante l’introduzione di microcannule, delle dimensioni di 1 mm, al cui interno è inserita una fibra ottica di 300μm (0.3mm) in grado di trasportare l’energia termica, prodotta dal laser, direttamente all’interno dei tessuti, senza quindi intervento chirurgico e senza cicatrici residue.

laserlipolisi

La metodica, eseguita in anestesia locale, può essere praticata in qualsiasi distretto corporeo ove sia presente una componente adiposa associata a lassità cutanea, anche se la sua indicazione principale è rappresentata dagli inestetici cuscinetti localizzati in corrispondenza delle coulottes de cheval, dei glutei e della regione interna del ginocchio.

L’energia termica, veicolata dalla fibra ottica collegata al generatore laser, provoca la rottura mirata delle cellule adipose con fuoriuscita del grasso che, trasformato in un liquido oleoso, verrà successivamente eliminato mediante riassorbimento ad opera del circolo sanguigno ed eliminazione naturale attraverso il fegato ed i reni, e mediante un ciclo di massaggi drenanti: tali massaggi hanno anche la funzione di favorire un rapido assorbimento degli eventuali edemi (lievi gonfiori) e delle modeste ecchimosi, conseguenti all’inserimento ed al movimento delle microcannule all’interno dei tessuti sottocutanei.

Vi è comunque la possibilità eventuale di aspirare il “lisato” mediante una siringa al termine del trattamento. L’energia trasportata dalla fibra laser, oltre a rompere le membrane delle cellule adipose, esercita altre importanti azioni: ha un effetto coagulativo sui vasi sanguigni, riducendo l’eventuale sanguinamento, ed ha un effetto fotostimolante a livello del collagene sottocutaneo (tale effetto è chiamato “shrinkage”), con conseguente successiva retrazione e ricompattamento dei tessuti, che porterà a maggiore regolarità e omogeneità delle superfici cutanee trattate.

La procedura è ambulatoriale, non richiedendo alcun ricovero, è miniinvasiva e viene effettuata in anestesia locale, con pronta ripresa della normale vita di relazione; sarà naturalmente indispensabile indossare una guaina o un collant elastico per almeno 15 giorni per favorire ed accelerare il riassorbimento dei gonfiori e delle ecchimosi (sempre comunque assai modesti), e soprattutto per migliorare la retrazione ed adesione della pelle al tessuto sottocutaneo, con un “effetto lifting” della zona trattata. Proprio per questo la laser lipolisi trova indicazione non solo in zone caratterizzate da accumulo adiposo, ma anche in caso di lassità cutanea.

Dopo circa una settimana si dovrà iniziare un ciclo di massaggi manuali o, meglio, meccanici: due volte alla settimana per almeno 4–5 settimane. Evitare intensa attività sportiva, solarium e saune per almeno 15 giorni.

Per piccole adiposità localizzate è generalmente sufficiente un singolo trattamento; questo può tuttavia essere ripetuto sulle stesse zone, in caso di accumuli di maggiori dimensioni, a distanza di due-tre mesi per migliorare ed ottimizzare i risultati.

I risultati saranno apprezzabili dopo circa due mesi, anche se l’effetto di retrazione dei tessuti, evidente per esempio nel sollevamento del gluteo, sarà visualizzabile già dopo le prime due/tre settimane.

La durata dell’intervento varia a seconda dell’entità e del numero delle zone da trattare: da poche decine di minuti a circa un’ora.

Zone trattabili: Coulottes, cosce, fianchi, glutei, addome, ginocchia, mento, braccia, ma anche ritocchi in caso di precedente liposuzione che abbia lasciato irregolarità o accumuli residui.

Controindicazioni: nessuna controindicazione specifica. Non è comunque una tecnica adatta in caso di notevole lassità cutanea conseguente a drastica riduzione di peso o ad età avanzata.

Eventuali effetti collaterali sono rappresentati da eritema (rossore), ecchimosi, edemi, dolorabilità locali, sempre comunque transitori.

Va tuttavia rimarcato che tale trattamento non è in grado di sostituirsi, qualora ve ne sia indicazione (accumuli più importanti di grasso) ad una liposuzione chirurgica: dovrà essere il chirurgo a stabilire quando sia il caso di utilizzare questa nuova tecnica, quali siano quindi le situazioni che potranno realmente trarre beneficio da questo trattamento.

Inoltre non è un metodo per perdere peso nè può sostituirsi ad un corretto regime dietetico e ad una attività sportiva per mantenere un adeguato tono muscolare.

Per info:

Dott. Giuseppe Serpieri
tel. 335.679.1027
www.flebologia.it
serpieri@flebologia.it