La perdita dei capelli non è un problema conosciuto che riguarda solo gli uomini: lo afferma una una ricerca inglese commissionata dall’azienda leader in supplementi vitaminici Vitabiotics Wellwoman Tricologic che rivela che una donna su tre con età superiore ai 25 anni perde i capelli, alcune volte in modo serio.

La causa potrebbe essere dovuta allo stress al quale si aggiunge la ricerca ossessiva della perfezione della forma fisica, fattori che intervengono sull’equilibrio ormonale dell’individuo.

Il tentativo di imitare canoni estetici difficilmente raggiungibili altera l’equilibrio psico-fisico che si riflette nella salute dei capelli.

“I capelli sono essenzialmente il tessuto meno importante per la sopravvivenza del corpo — ha spiegato la tricologa Sara Allison. — Quindi ricevono nutrienti solo se ne sono rimasti nel corpo, dopo che gli organi vitali hanno ricevuto ciò di cui hanno bisogno”.

Lo studio evidenzia quindi che la perdita dei capelli non è spesso correlata all’età avanzata: è necessario intervenire precocemente quando la calvizie comincia a farsi strada. Meglio ancora è cercare di seguire uno stile di vita che prevenga l’instaurarsi dei fattori predisponenti della calvizie.