7. Uomini a viso aperto: dal chirurgo con la paura di invecchiare. Gli uomini fanno ricorso a filler e rinoplastica ma guardano anche le rughe, il contorno occhi e il doppio mento mentre si contano i peli bianchi. Secondo la Aicpe è stata segnata una svolta: i pazienti uomini, nella chirurgia, sono aumentati. Essi hanno un motto sotto questo punto di vista: essere più giovani ma senza rinunciare alla mascolinità. → Link

6. Abbronzatura e rughe sul viso: i danni del sole e del sale e l’aiuto dell’acido ialuronico. La pelle è formata da strati di cellule nutriti da vasi sanguigni e sostenuti da proteine. Se l’idratazione diminuisce, la pelle perde elasticità e si affloscia, provocando la comparsa delle rughe. In tal caso ci si può rivolgere a uno specialista in chirurgia estetica: le rughe possono essere migliorate con trattamenti di medicina estetica quali peeling, filler, dermoabrasione, laser, o con interventi di chirurgia estetica o lifting. → Link

5. Chirurgia estetica: un’iniezione per cancellare il doppio mento. Per questo problema, anche psicologico, basterebbero delle iniezioni; un trattamento alternativo all’intervento di chirurgia estetica a base di acido desossicolico: la sostanza sarebbe in grado di distruggere le cellule di grasso (la FDA ha recentemente approvato un farmaco a base di acido desossicolico). Il trattamento è attualmente in uso all’University of Texas Southwestern Medical Center. → Link

4. Orecchie a sventola addio in soli 20′ di ambulatorio. Grazie a una nuova soluzione oggi l’intervento per le orecchie a sventola è mininvasivo: Earfold. Si esegue ambulatorialmente, in pochi minuti e si fa una piccolissima incisione, in anestesia locale, indolore. La tecnica non è chirurgica ma si modella l’orecchio con un ripiegamento della cartilagine. → Link

3. Non solo rughe, il botulino batterà anche l’impotenza. Novità per la disfunzione erettile: fra pochi anni la tossina botulinica potrebbe essere utilizzata anche per problemi di disfunzione erettile; studio sperimentale portato avanti dal dipartimento di andrologia dell’ospedale del Cairo e dal London Hospital di Londra, alquanto incoraggiante. È questo ciò che afferma Maurizio Benci, socio fondatore dell’associazione AITEB in occasione del 7° Congresso nazionale AICPE. → Link

2. Piedi più in forma con il lipofilling L’ultima novità parla del ritocco ai piedi, cioè di come rimpolpare il tallone e rimpicciolire le dita (anche per l’alluce valgo). Il piede però è molto più sensibile al dolore rispetto ad altre zone del corpo e se si va a toccare un osso più sensibile si possono avere delle serie complicazioni. Come si può fare? Gli esperti parlano di lipofilling: l’inserimento di grasso prelevato da altre parti del corpo alla stessa persona che sta subendo l’intervento. → Link

1. Rinoplastica, un intervento sempre più richiesto. Essendo il viso l’elemento più caratterizzante di una persona è proprio sul naso che si concentrano di più le richieste di interventi di chirurgia estetica. Ci sono casi in cui un naso adunco o troppo grande può far passare in secondo piano la bellezza delle altre parti del volto, dunque la rinoplastica è una soluzione per restituire equilibrio ad un volto disarmonico. Da uno studio effettuato dalla John Hopkins University di Baltimora, è emerso che, dopo un intervento di rinoplastica, la persona aumenta l’autostima, la sicurezza, si sente più a proprio agio e si relaziona con gli altri in modo più accattivante. → Link