Il dott. Alessandro Gennai ha grande esperienza nell’utilizzo della tossina botulinica nella pratica ambulatoriale quotidiana. LEggiamo le sue opinioni su questo trattamento così diffuso che genera anche dubbi e timori anche ingiustificati.

Dr. Gennai da quanti anni inietta tossina botulinica?
Da quando è stata autorizzata in Italia, vale a dire dal 2004.

Qual è la percentuale dei suoi pazienti che fa punture di botulino?
Il 90% dei pazienti che si rivolgono a me per la medicina estetica e 30% di quelli che si rivolgono a me per chirurgia estetica.

Qual è l’età di chi si sottopone a botulino?
L’età è compresa tra i 40 e i 55 anni.

Tra i pazienti che fanno botulino, quanti sono i maschi? Sono in aumento rispetto a 5 anni fa?
Il 10% dei pazienti sono uomini e direi la percentuale è in lieve aumento.

Quanti sono i vostri pazienti che rifanno le iniezioni di botulino dopo averle fatto una prima volta?
E’ un trattamento medico che ha un alto gradimento e siamo attorno al 99%.

Quali sono i motivi per cui i pazienti si sottopongono a iniezioni di botulino (ringiovanire, correggere difetti…)
Sicuramente per avere un aspetto più riposato e per correggere le rughe di espressione.

Anche se non esiste una specifica specializzazione, cosa può succedere se ci si rivolge a un medico che non è “specializzato” in botulino?
Il botulino è un farmaco sicuro: l’80% delle complicanze che può dare sono determinate da un’errata procedura. Da questo si evince che i medici non esperti in questo tipo di trattamento possono creare danni che, fortunatamente, sono quasi sempre reversibili in pochi mesi.

Quando tra i vip c’è qualche caso di “disastro” estetico (vedi Renèe Zellweger, Uma Thurman e così via) si dà sempre la colpa al botulino. Cosa ne pensa?
Vedendo questi servizi emerge chiaramente che vi è una ignoranza e superficialità in materia da parte di molti giornalisti: spesso creano servizi palesemente scorretti additando il “botox” (nome commerciale della tossina botulinica negli USA) come responsabile di disastri estetici che nulla hanno a che vedere in realtà con il trattamento di tossina botulinica. Spesso le facce deformate che si vedono nei servizi in TV sono frutto di procedure chirurgiche eccessive o eccesso di uso di filler spesso di tipo non riassorbibile: quasi mai la tossina botulinica è realmente responsabile di questi risultati!