Michele Cannatà: 80% dei pazienti utilizzano la tossina botulinica per fini estetici

Il dott. Michele Cannatà è specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica ed esperto nel ringiovanimento facciale non solo chirurgico, ma anche medico. La tossina botulinica è un farmaco che utilizza frequentemente.

Da quanti anni inietta tossina botulinica?
Ho iniziato ad iniettare la tossina botulinica nel 2005, esattamente dopo un anno dall’autorizzazione ministeriale ottenuta da Vistabex e dalla sua commercializzazione per poter studiare il prodotto e valutarne l’efficacia e l’eventuale pericolosità.

Qual è la percentuale dei suoi pazienti che fa punture di botulino?
L’80% dei miei pazienti “estetici”, cioè che ricorrono a metodiche mediche estetiche, effettuano trattamenti con tossina botulinica.

Qual è l’età di chi si sottopone a botulino?
Il trattamento con tossina botulinica si rivolge ad una fascia di età molto vasta: dai 30 anni ai 75. Comunque direi che il picco si trova tra i 40 e i 50 anni.

Tra i pazienti che fanno botulino, quanti sono i maschi? Sono in aumento rispetto a 5 anni fa?
Nella mia esperienza, il rapporto maschi-femmine nel trattamento con tossina botulinica è di 2 a 8, anche se in quest’ultimo triennio il rapporto sta variando verso 3 a 7. Si rivolgono a me soprattutto uomini di 40-45 anni separati e con nuove compagne, solitamente più giovani.

Quanti sono i vostri pazienti che rifanno le iniezioni di botulino dopo averle fatto una prima volta?
Fortunatamente, chi prova la tossina botulinica ottiene un risultato estremamente gradevole e piacevole tale che non riesce più a farne a meno.

Quali sono i motivi per cui i pazienti si sottopongono a iniezioni di botulino (ringiovanire, correggere difetti…)
Principalmente i pazienti mi chiedono di eliminare le rughe della fronte, della glabella o le zampe di gallina. Meno frequentemente chiedono di risolvere problemi di asimmetria o di iperidrosi, cioè di sudorazione eccessiva.

Anche se non esiste una specifica specializzazione, cosa può succedere se ci si rivolge a un medico che non è “specializzato” in botulino?
Il botulino è un dispositivo medico ed in quanto tale può essere utilizzato solo da un medico. Ciò premesso, bisogna dire che purtroppo nella jungla della medicina estetica esistono colleghi che si improvvisano medici estetici o che, avendo partecipato ad un corso di un paio d’ore, ritengono di essere in grado di fare le “punturine”. Rivolgendosi ad un non addetto ai lavori, si rischia, nei casi più fortunati, di non ottenere alcun risultato, ma in alcuni casi meno favorevoli complicazioni temporanee quali la ptosi della palpebra.

Quando tra i vip c’è qualche caso di “disastro” estetico (vedi Renèe Zellweger, Uma Thurman e così via) si dà sempre la colpa al prodotto: è corretto ciò?
Assolutamente no. Il prodotto così come la metodica chirurgica o qualsiasi altro strumento non possono essere considerati dannosi: il danno può essere determinato solo ed esclusivamente da un utilizzo non appropriato o non corretto da parte del medico.