Fotoringiovanimento del Viso con Luce Pulsata

Su questa paziente andremo ad effettuare un trattamento di luce pulsata al viso come trattamento per la fotobiostimolazione epidermica: si tratta come metodica di fotoringiovanimento non ablativo, che ci permette di andare a stimolare il regolare processo di rinnovamento della pelle. Inizieremo con l’applicazione di un gel conduttivo solo nella zona da trattare e poi inizieremo il trattamento.



Dopo aver distribuito il gel sulla superficie cutanea da trattare inizieremo l’erogazione dei vari impulsi. Iniziamo con un primo impulso di prova per testare la tollerabilità da parte del paziente e andiamo avanti. Durante il trattamento la paziente di norma dovrebbe avvertire soltanto un leggero senso di bruciore che regredisce nell’arco di un secondo.

La luce pulsata ci permette di effettuare sia una fotostimolazione che di andare a trattare gli inestetismi come lesioni vascolari, angiomi, couperose, le angiodisplasie e anche macchie e lesioni pigmentarie; chiaramente a seconda del tipo di inestetismo prevalente andremo ad impostare il macchinario in maniera leggermente diversa.

Così appare il viso immediatamente dopo aver effettuato il trattamento con luce pulsata. Sin dai primi momenti terminata l’applicazione, vediamo una maggiore luminosità della pelle che si manterrà e potenzierà nei giorni successivi. Inoltre nei giorni successivi al trattamento vedremo anche un maggior turgore, una maggiore tonicità della pelle e anche un certo grado di assottigliamento delle rughette più superficiali.

In questo caso inoltre, abbiamo lavorato essenzialmente sulla componente vascolare e quindi assisteremo progressivamente ad una riduzione della componente couperose che è presente nella regione geniena e malare.